Scrypt.cc – The Scam that Never Scam




logo_scam

Probabilmente non sono la persona più adatta ad individuare le truffe online, fondamentalmente perché mi lascio abbindolare dalle possibilità di facili guadagni, soprattutto se sono alti, e dalla fattibilità dei progetti. Ricordo in maniera molto vivida i contenuti che si presentavano incessantemente ad inizio 2014, nella sezione investimenti di bitcointalk.org e di queste proposte, la quasi totalità nascondeva delle cattive intenzioni. Era talmente alto il livello di allarme tra le persone più interessate, che gli annunci venivano filtrati seguendo delle check-list la cui verifica era diventata impossibile. Addirittura, per via di questo muro di protezione che, basandosi sul principio della “non fiducia” ispirato dal bitcoin, tutti coloro che si accingevano a dimostrare la loro correttezza, non sopportando ad oltranza la continua pressione degli utenti, il cui fine era quello di non lasciar abbindolare possibili vittime, si vedevano costretti a rinunciare all’attività intrapresa proprio per insufficienza di fondi. Talvolta tenendosi i primi introiti, e quindi non tenendo fede alla propria parola e le iniziali buone intenzioni.

Era di quei tempi il proliferarsi soprattuto dei contratti di Mining, nel cui settore si è poi compreso che le prime truffe erano perpetrate proprio dagli stessi produttori di hardware ASIC, attraverso il modello commerciale della prevendita, ma questo argomento probabilmente richiederebbe un apposito articolo.

Tutt’oggi attraverso il mining molte persone tentano di mettere da parte qualche Bitcoin, del resto siamo ancora nel periodo in cui si generano blocchi di Bitcoin abbastanza remunerativi, e con il gran valore di mercato di quell’anno proliferavano mining farm in tutto il mondo, le cui idee di marketing erano a dire il vero altrettanto sperimentali. In questo contesto invece qualcuno aveva le idee abbastanza chiare, e tra questi la mente geniale dietro la creazione di Scrypt.cc.

La proposta fu allora davvero innovativa, al punto che se fosse stata effettiva, avrebbe generato lo stesso dei numeri interessanti. In sostanza si proponeva come un cloud mining basato su macchine ASIC per algoritmo Scrypt, che venne introdotto all’avvio della rete Litecoin, con il vanto di minori richieste in termini di capacità hardware, rispetto all’algoritmo SHA256 richiesto dal Bitcoin. Queste macchine erano suppostamente di recente commercializzazione ed avrebbero presupposto un budget iniziale considerevole. Lo stesso algoritmo Scrypt, è stato in seguito impiegato per sostenere il blockchain della maggior parte delle altcoin e quindi le stesse macchine sarebbero state utili anche per incrementare i profitti redirigendone il lavoro su una rete piuttosto che un’altra, con il fine di minare la moneta con la più alta profittabilità, ovvero il miglior rapporto produzione/cambio in Bitcoin.

 

Cosa offre la ‘piattaforma’

Il sito di Scrypt.cc si presenta con una grafica ben realizzata e come vedremo anche le capacità di programmazione impiegate nella truffa non sono da poco.

calculatorL’home page offre i necessari tasti di accesso e registrazione, una pagina pulita con un messaggio per l’utente ad alto impatto ed un piccolo form dalla grande rilevanza. In questo form si vede il prezzo ‘attuale’ del singolo MHS( unità di misura per la potenza di calcolo di un ASIC Scrypt ), che in realtà fino ad Agosto di quest’anno era espressa in KHS, ma per via di una oramai chiara strategia ha richiesto un adeguamento; e ad accompagnare i dati della stima giornaliera e mensile in termini di Bitcoin, vi è soprattutto l’indicazione del ROI( Return Of Investment ). Questo valore è andato decrescendo nel tempo, per cui se oggi indica che sono necessari circa 50 giorni per riavere il capitale investito in mining, vuol dire che il profitto giornaliero e soprattutto il prezzo del MHS non debbono decrescere.

trading

All’interno della piattaforma infatti, allo stile del famoso Cex.io, è presente un motore di trading che permette di comprare e vendere MHS velocemente. È chiaro che questo per poter funzionare deve poter contare su un software lato server chiamato ‘trading engine’, che aggiorni in tempo reale tutti gli utenti sull’attività che riceva gli ordini e li gestisca. Non poco se si considera che la manutenzione, oltre che la comprensione dello stesso, richiedono doti professionali ed ingenti risorse di tempo. Allo stesso modo, saperlo manipolare permette di raggiungere determinati obiettivi, che vanno ben oltr l’aggiunta di funzionalità più o meno importanti.

Inizialmente alla piattaforma erano legate altre risorse quali, una pagina con cui erano monitorati i data center ed  un forum, dove gli utenti potevano intavolare discussioni sull’andamento del mercato, del mining di altcoin e della loro esperienza su Scrypt.cc. Con il passare del tempo, ritengo che queste parti del sito si siano dimostrate ingestibili, come la chat( trollbox ), e quindi sono state eliminate. Come vedremo l’unica risorsa più o meno ufficiale che permette agli utenti di comunicare è un canale IRC.

HYIP ed il Gioco delle Tre Carte

Il web è stato recentemente invaso di truffe che vanno sotto il nome di HYIP( programmi d’investimento ad ampio raggio ). Siti web registrati offshore garantiscono altri profitti inducendo a pensare che i soldi raccolti con gli investimenti saranno utilizzati per creare fondi al servizio di attività altamente lucrative, ma che non rientrano nei mercati di titoli classici per l’alto rischio che comportano.

In realtà lo schema di investimenti a disposizione degli utenti è studiato in modo tale che i rendimenti più alti si ottengono solo con investimenti di somme ingenti, quindi inizialmente depositi falsi vengono puntualmente ripagati, mentre investitori piccoli che accorrono numerosi a sperimentare la solvibilità del sito si auto ripagano. Purtroppo però c’è ancora un aspetto da non sottovalutare, che reggere il gioco di questi ‘preminenti geni’ della finanza, ed è la presenza di siti satellite che investono il minimo in ognuna di queste piattaforme al fine di rilevare se sono ancora solventi, i cosiddetti Monitor.

Questo elemento è quello che completa lo scenario del cosiddetto ‘Gioco delle Tre Carte’, di estrazione tradizionale napoletana, in cui i complici fingendosi giocatori scommettono sulla carta vincente mostrando che è facile guadagnare, ma quando invece una vittima si accinge a scommettere è il momento per il banco di realizzare il trucco, e prendere i soldi.

Per lungo tempo Scrypt.cc è stato riportato come solvente da vari monitor della rete, fino a che con l’interruzione del mese di Luglio, riportata come un attacco hacker, è stato rimosso piuttosto che screditato. Rimangono comunque le numerose testimonianze di utenti facilmente reperibili con i motori di ricerca.

Tuttavia, è sempre attivo il sito compagnione Sccstats.com, che attraverso delle API di Scrypt.cc è in grado di rilevare quanto questo sta ripagando per ogni MHS, qual’è il prezzo del singolo MHS ed il tempo necessario per il ROI, e di riportarlo graficamente. Come anticipato in precedenza è su questo sito che si possono trovare le informazioni per accedere al canale IRC per incontrare altri utenti e probabilmente anche gli stessi complici dell’amminitratore di Scypt.cc, noto con il nome di Marcelo Santos, ma inverosimilmente il suo nome reale.

sccstatsIl Trucco

I trucchi nella manica di tale Marcelo Santos, sono probabilmente diversi. Dalla manipolazione del mercato, agli incidenti di percorso, fino all’ottima capacità di comunicazione e relazione con il pubblico, e la pianificazione di credibili strategie come è stato il passaggio dal KHS al MHS.

Su questo però è bene riflettere perché è stata l’idea che gli fa tuttavia sperare di continuare a fare il ladro professionista. Infatti, sebbene tutto lo storico dell’andamento dei prezzi non è più disponibile abbiamo con ciò, anche la prova della decrescita inesorabile che è il mezzo principale di sottrazione dei capitali dal mercato. In effetti, l’importante è che il prezzo non salga. Questo sposa bene con il ROI basso ed accattivante ed allo stesso tempo permette ai trader più insistenti di giocare con piccole fluttuazioni dei prezzi.

Ad ogni modo, ‘perdete ogni speranza voi che entrate'(cfr. D. Alighieri ), non sono più garantiti i prelievi( come al momento ammette lo stesso Admin via sccstats.com ) quindi rimane pura finzione.

Spero che quanto riportato possa essere di aiuto alle persone più inesperte e rammento che bisogna aver maturato esperienza e studio in ambito finanziario per lungo tempo, oltre che avere una buona guida che ci addentri con certezza nel settore. Mentre desidero fortemente manifestare tutto il mio rammarico per le qualità e le idee impiegate ad alimentare un inganno, mentre con uno sforzo autentico si sarebbero sicuramente potute mettere al servizio della parte sana dell’ecosistema Bitcoin, che tanto ne necessita.

 

Se questo articolo ti è servito manifesta la tua riconoscenza con una piccola ricompensa: 18QipuKcibygYux5cKSYXiwFV2v5PzaW1r

 

NEWSBTC - EDITOR'S PICKS

SUBSCRIBE TO OUR NEWSLETTER

Read previous post:
Debit_3
Carta XAPO – La prima carta prepagata per pagare con Bitcoin

Xapo è una carta prepagata, fornita da dall'omonimo sito web Xapo che offre un servizio di wallet Bitcoin, che permette...

Close